Nuovo DJI Air 2S: video, foto leaks, data d’uscita e prezzo: tutte le info.

Trapelate alcune immagini e un video teaser del nuovo drone DJI Air2S che confermano il design anteriore a 4 occhi, il nome che perde la dicitura "Mavic", il sensore da 1" ed altre conferme dei rumors fin'ora usciti. Nulla purtroppo riguardo la possibile certificazione C1 Easa.

Condividi

Ultime news sul DJI Air 2s (10/04/21)

Un video apparso in rete mostra il nuovo DJI Air 2S, camera da 1″ 20Mpx e sensori anticollisione anteriori, posteriori e rivolti verso l’alto.

Nel video appare anche un adesivo ADS-B sul braccio anteriore, che, se attivato anche in Europa, consentirebbe di ricevere avvisi riguardo la prossimità di velivoli nella zona delle nostre operazioni.

Alla fine del video appare un numero: 27… Potrebbe essere 27 Aprile la data del lancio?

 https://youtu.be/rAdpmNid9qc

 

(08/04) Da alcuni tweet apparsi sulla rete sembrerebbe che la data possa essere addirittura quella del 15 Aprile, ci aspettiamo quindi a breve di scoprire nuovi leak, tra i quali probabilmente le prime fotografie reali del prodotto e la scheda tecnica ufficiale, se la data fosse confermata, infatti, il nuovo drone potrebbe già essere fisicamente in mano a Youtubers e gestori di siti web di settore e non è impossibile (come già successo in passato) che per errore più o meno voluto, qualcuno violi l’embargo…

(10/04) Nel frattempo spuntano anche le prime immagini reali della presenza del drone, in USA, sugli scaffali del solito Best Buy a 1299$ nella versione fly more combo.

Caratteristiche del nuovo drone DJI

A poche ore di distanza dal video sono apparse anche alcune immagini, fra le quali quella della scatola della versione Fly More Combo, in cui si vedono 2 batterie aggiuntive e il radiocomando (lo stesso di Air 2 e Mini 2), oltre ai marchi del sistema ADS-B e 1″ (camera migliorata con intelligent HDR a 10bit, anche se “perde” il marcho Hasselblad del  Mavic Pro2). Le eliche sembrano molto simili a quelle dell’Air2, anche se terminano con il baffo “silenziatore” di colore arancione, sullo stile del Mini 2, potrebbero essere compatibili con la versione precedente, oppure no, ma sarebbe l’ultimo dei problemi… Anche se sembra da più parti confermata la voce della compatibilità con i nuovi visori FPV Goggles V2, grazie al sistema Ocusync 3.0 adottato anche su questo drone (come sul DJI FPV Drone) al momento non sussitono conferme nelle immagini mostrate. I rumors parlano anche di un nuovo sistema Active Track 4.0, migliorato anche dalla presenza dei sensori superiori, che, con la strana posizione a circa 45° rispetto all’asse dell’UAS, in stile Porsche, potrebbero riservare molte sorprese applicative che ne giustificherebbero la scelta di un design con meno appeal rispetto al suo predecessore e soprattutto rispetto alla prima versione di Mavic Air, che dal punto di vista della linea e dell’eleganza era veramente di un livello ben più alto, grazie anche agli accostamenti cromatici dei materiali utilizzati. Sembrano essere confermate e presenti le funzioni automatiche già viste su Air 2: come “Spotlight 2.0” e “Point of Interest 3.0”, oltre ad una nuova funzione “Master Shots” che permetterà l’acquisizione in automatico di 10 diverse manovre attorno ad un soggetto per ricavarne brevi riprese. Confermata anche la memoria interna di 8GB a supporto della registrazione su SD esterna. Nulla traspare nemmeno sulla presenza della marchiatura C1 EASA… che, a nostro avviso, rimane il punto più importante che potrebbe decidere l’indisctubile successo della nuova versione: senza marchio sarebbe semplicemente un upgrade tecnico dell’Air2, sulla carta molto buono, ma ancora molto castrato dalle normative che ne impedirebbero il volo in presenza di persone non informate (e in ambienti urbani senza attestato A2); gli ultimi rumors indicano il peso complessivo di 600gr, troppi per stare sotto la soglia di 500gr. (dovuti probabilmente alla presenza della camera più grande e dei sensori aggiuntivi) che avrebbe potuto porlo fino al 2023 2024 in Open Limited A1; comunque, a nostro parere si sarebbe potuto approfittare di questo vantaggio per troppo poco tempo a fronte di un esborso che presumibilmente dovrebbe essere leggermente superiore al costo di listino dell’Air 2 (1.049€ per la versione combo).

Altri articoli

Translate »